Sarteano: il mio luogo segreto in Toscana

Hai 0 articoli da comparare. Vuoi vedere la comparazione ora?


Confronta
La mia gente è la mia forza. Genuini, autentici, pieni d’iniziativa; così sono i sarteanesi, che siano ristoratori, gestori di strutture ricettive, commercianti, artisti, artigiani o membri di una delle mille associazioni culturali che rendono viva la nostra terra. Scoprili uno ad uno!

Sala d'arte Domenico Beccafumi - Chiesa di San Martino

Edificata nel 1844, presenta la facciata in travertino e cotto con pilastri e capitelli dorici. Nel campanile a vela è collocata una campana datata 1282. A unica navata, l'interno ospita insieme al corredo di dipinti proveniente dall'antica chiesa di S. Martino in foro, distrutta nel 1841, alcune

leggi tutto...

il Parco delle Piscine

Ombreggiato, con ampi spazi verdi ben curati, il Parco delle piscine è dotato di tre grandi vasche alimentate con acqua corrente proveniente dalla sorgente termo-minerale delle Canalette. Ospita un campeggio ben organizzato e dotato di tutti i servizi, fornito di attrezzature sportive.

il castello: dai Manenti alla Repubblica di Siena

I primi documenti che parlano del castello risalgono al 1038, quando Sarteano apparteneva ai conti Manenti (al pari dei castelli di Chianciano, Chiusi, Moiane), consorteria longobarda discendente dai Farolfi o Farolfingi, detta anche dei Rimbotti. La sua storia è lunga e gloriosa: documentato

leggi tutto...

Castiglioncello dei ladroni?

Castiglioncello del Trinoro era difeso da fortificazioni, con cinque chiese all'interno delle mura e un palazzo comunale. Ben poco resta oggi di questo glorioso passato, che potrebbe avere origini etrusche: la Chiesa romanica di Sant'Andrea, una porta del '300 e il Palazzo Comunale. La sua

leggi tutto...

living si colora di arancione

Lo spirito di "SarteanoLiving"  si identifica con la "Bandiera arancione", il riconoscimento che è stato attribuito di recente dal Touring Club Italiano al Comune, dopo aver rispettato severi parametri. Si tratta di uno dei più prestigiosi attestati di qualità, legato al continuo miglioramento

leggi tutto...

i nostri antenati del Neolitico

La presenza umana a Sarteano è attestata senza soluzione di continuità dal Neolitico ad oggi. Alcuni importanti siti preistorici si trovano sparsi nel territorio. Nella zona periferica dell'abitato la grotta dell'orso mostra un'occupazione che dal neolitico arriva all'epoca romana: è uno dei più

leggi tutto...

quando gli Etruschi fanno spettacolo

Il Museo civico archeologico di Sarteano, che si trova nel cinquecentesco Palazzo Gabrielli, ospita molti tesori, come i materiali provenienti da necropoli che vanno dal IX al I sec. a. C. Di particolare interesse sono i cosiddetti canopi, ossuari in forma umana del periodo orientalizzante (VII

leggi tutto...

la quadriga che ritorna dall'aldilà

Un demone dai capelli e dalla veste rossa, sollevati dal vento, che guida una biga condotta da due leoni e due grifi, avvolta in una grande nuvola nera, dopo aver attraversato la porta dell'Ade; al di là di essa due defunti distesi sul letto a triclinio che si salutano con affetto: un padre e un

leggi tutto...

i luoghi della fede

Collegiata di San Lorenzo
Risalente agli inizi del XIII sec., fu restaurata e ampliata nel XVI sec.. Elevata a Collegiata nel 1638, fu ristrutturata all'interno nel 1787. Nel 1955 fu dichiarata santuario mariano. Presenta una facciata rinascimentale e pianta a croce latina. Sugli altari laterali, il

leggi tutto...

l'abbazia millenaria

L'Abbazia risale al 1085 e rappresenta un esempio del monachesimo italiano e toscano. Il luogo è in posizione isolata ma strategica, che si estende tra Val di Chiana e Val d'Orcia. Viene prima posta sotto la protezione di Orvieto (1120), poi passa sotto la tutela della Repubblica di Siena e la

leggi tutto...

gli etruschi in mezzo al bosco

Lungo la strada che da Sarteano raggiunge la frazione di Castiglioncello del Trinoro, a 4 chilometri e mezzo dal paese, sulla destra, seguendo l'indicazione che scende nel bosco per 250 metri, si raggiungono tre strutture tombali etrusche visitabili delle numerosissime presenti. La zona di Molin

leggi tutto...

alle Pianacce tombe etrusche con panorama

Uno straordinario panorama sulla Valdichiana, 13 ipogei sotterranei scavati nel travertino, uno delle più belle tombe dipinte etrusche, una struttura per i culti funebri che non ha confronti in Etruria: tutto questo è il sito etrusco della necropoli delle Pianacce.
Il panorama mostra la vicinanza

leggi tutto...

san Francesco e le sue celle

Salendo da Sarteano verso il convento dei Cappuccini, oggi abbandonato insieme alla Chiesa di San Bartolomeo, si incontra un luogo di grande suggestione con le pareti rocciose su cui si aprono antichi rifugi preistorici, ed un'arcata che porta ad alcune cellette, un tempo tombe etrusche, in una

leggi tutto...

l'Annunciazione del Beccafumi: un capolavoro

Olio su tavola, cm. 268x260, Sala d'arte Domenico Beccafumi - chiesa di San Martino

L'opera costituisce l'ultima commissione pubblica del Beccafumi. Una supplica dell'artista al Concistoro di Siena, per ottenere il saldo del pagamento, dà certezza della realizzazione: 1546. Il documento non lascia

leggi tutto...

storica farmacia

La storica farmacia Bologni è stata riportata dai proprietari all'antico aspetto. I mobili posti lungo le pareti furono realizzato intorno agli anni Venti dell'Ottocento, in pieno stile Restaurazione, ma con retaggi ancora di gusto Impero e con motivi di sapore neogotico. All'interno, oltre ad

leggi tutto...

Pagina 1 di 3 Risultati 1 - 15 di 45